Romano Prodi; parlamento internazionale- aggiornamento

Montenegro, porto situato nella città di Tivat, baia di kotor. Nell’ articolo dove si è trattato degli atti parlamentari ricevuti dall’ allora presidente del Consiglio, Romano Prodi riguardanti il parlamento internazionale per la pace e la sicurezza nel Mediterraneo. Tra i documenti, si ricorda, ve né uno classificato come diplomatico e di cui non è stato permesso il caricamento per motivi di sicurezza”; ebbene, in tale documento si attesta il deposito di 3.000.000.,00 di euro presso la banca del Montenegro, risultante essere di proprietà Rothschild! Ora andando per “pulci” è emerso che il Montenegro non è solo quel paradiso vacanziero di cui è apprezzabile la bellezza del suo porto capace di ospitare l’ attracco persino di un incrociatore e diverse navi da guerra! Dispone anche di uno splendido campo da golf da 18 buche e infrastrutture superlusso per supericchi. I soci fondatori-investitori sono, Anthony Munk: così da fungere come catalizzatore per lasciare in penombra la family per eccellenza! Infatti troviamo in secondo piano, Lord Jacob De Rothschild, Nathaniel De Rothschild, O. Demipaska, Demien Sandor: giusto come contorno. La società esecutrice risulta essere la Adriatic Marinas. Ma le curiosità Montenegrine non finiscono qui! Infatti al Montenegro si lega anche un’indagine dei ROS di Firenze che indagavano sulla sparizione di 250 milioni di euro e di 2 soggetti, uno, tale Paolo Porisiensi, di professione consulente finanziario di Pordenone che sarebbe sparito con i 250 milioni di euro di proprietà di investitori italiani; il Porisiensi pare abbia trovato rifugio proprio in quel paradiso non solo vacanziero che è il Montenegro. L’ altro scomparso e Robert Da Ponte, direttore della Rothsinvest…; che si tratti dei Rothschild? Mah! Gli investimenti in Montenegro sarebbero passati dalla banca mondiale e la banca europea che fanno capo a!?… ma c’è un’altra banca di cui sempre per i soliti motivi di sicurezza non è permesso caricare il documento e dove sono citati i Rothschild ed è la banca agricola della Val di Fassa agordino:” porta la tua banca in tasca “. Negli ultimi anni i governi fantocci italiani hanno regalato alle banche risultanti essere tutte di proprietà Rothschild e comunque a loro riconducibili! Qualcosa come 90 miliardi di euro! Un brevissimo cenno; governo Monti, 5 mld a si scrive banca Intesa si pronuncia Rothschild! 4,1 mld a MPS, idem come precedente e da dove è scomparso il Prof Caffè e vi ha trovato la morte David De Rossi fatto cadere da una finestra!: I Rothschild sembrano girare col puzzone in tasca; denaro e cadaveri portano sempre a loro! E come il detto popolare che vuole che tutte le strade portano a Roma! In sintesi, quel paradiso non solo vacanziero che è il Montenegro è stato creato con soldi “distratti” : io direi rubati, dalle casse pubbliche italiane? Adducendo come scusa la finta crisi delle banche e tutto il bailamme messo in piedi per depistare l’ opinione pubblica!? Si ricorda che a partire dal 2009, governo Berlusconi sino ai giorni nostri, gli italiani che si sono tolti la vita sono oltre 2.700!!! Per non parlare di tutti quelli che ancora fanno la spesa nei cassonetti della spazzatura! Tutte queste morti di governo sono state indotte per permettere ai Rothschild di fare business, corrompere e pagare killer!? Qualcuno risponde a questi interrogativi?! Grazie!…., Continua.N.B. Nel post che ritrae l’ on. Nino Galloni si legge che le BR erano infiltrate da CIA e MOSSAD, ciò non è esattamente corrispondente ai fatti in quanto tutte le sigle terroristiche degli anni cosiddetti di piombo furono una creazione del capo dell’ ufficio affari riservati nonché fantoccio della CIA, l’ italo venduto dr Federico Umberto D’ Amato che trattò anche la vicenda dello sfortunato On. Moro durante la sua prigionia e di cui si tratterà in altro articolo. I prezzolati vigliacchi assassini che credavano di fare una rivoluzione rendendo, secondo loro, un buon servigio al Paese, in realtà erano, cambiavano solo le sigle, soggetti tutti gestiti dal criminale Umberto D’ Amato sia i neri che i rossi! E tutti venivano addestrati nei campi paramilitari greci! anche la macchina da scrivere era la stessa così com’è risultato dalla perizia dopo il ritrovamento della stessa. Aldo Moro quando ebbe il colloquio con Galloni non era a conoscenza di come in realtà stessero veramente le cose percepiva il pericolo e l’ atmosfera strana e negativa che Gli aleggiava intorno ma né più né meno come chiunque di noi e che definiamo genericamente sesto senso. Aldo Moro fu come nel passo del vangelo; muto come un agnello mandato al macello! Non aprì la usa bocca! E probabilmente non lo fece neppure quando lo fecero entrare nel bagagliaio della R4 e gli spararono. Su quei momenti dovremmo soffermarci tutti, in rispettoso silenzio e rivolgere una preghiera anche di ringraziamento perché, e il raffronto non è blasfemo e non intende esserlo ma Aldo Moro ha fatto ciò che fece Gesù!<< ha così amato gli ” uomini” da dare la sua vita>>. ALDO MORO ha così amato il suo Paese e il suo popolo da dare la sua vita! Quanti tra noi farebbero la stessa cosa?! Onoriamo degnamente non solo la memoria ma il sacrificio di quanti per amore del proprio Paese hanno dato la loro vita. Grazie! Anche alle loro famiglie che hanno subito la perdita più grande. DI RITA CABRAS.
Dal momento che non è permesso caricare documenti ufficiali anche desecretati ebbene ci accontenteremo delle immagini ma che contengono dei riferimenti ben precisi per inquirenti di buona volontà!

Distinti saluti dal prof Romano Prodi; chissà chi era/no i destinatari dell’ elegante gesto, forse gli italiani dopo aver abboccato al cambio della lira con l’ euro?! Chissà se si pregera’ l’ esimio professore dare delucidazioni in merito.
Segui la scia del denaro e muori. Il Giudice Giovanni Falcone aveva preparato delle rogatorie internazionali per poter accedere a dei depositi custoditi presso alcune banche svizzere forse le stesse di proprietà dei Rothschild; ma quando si parla di banche diventa un’ esercizio ozioso aggiungere la specifica: di proprietà dei Rothschild visto che le sole banche di cui non hanno la proprietà e il controllo sono, le banche Iraniane con annesso il greggio! Le banche Siriane, e quelle della Korea del Nord guarda caso dove ci sono i conflitti e l’Iran che presto verrà attaccata militarmente come da vecchio progetto USA vecchio di oltre un decennio i predoni non solo di anime hanno già predisposto tutto! Devono dare solo l’ ordine di attacco il ritardo è dovuto alla difficoltà di eliminare Assad poiché è attraverso la Siria che gli avvoltoi a stelle e strisce le cui pudenda sono saldamente strette negli artigli della gente dello scudo rosso; i Rothschild! Il cui nome significa appunto, scudo rosso caleranno sull’ Iran.            SE DESIDERI CONTRIBUIRE A TENERE APERTO QUESTO SITO, PUOI FARLO A QUESTO IBAN, IT89V3608105138261510661516, GRAZIE!

ALDO MORO; IL ” RIBELLE”

Nel precedente articolo abbiamo  trattato dell’ atto di ribellione compiuto dall’ On. ALDO MORO nei confronti dell’ amministrazione americana e del pluricondannato e ricercato dal Tribunale Internazionale dell’ AIA, per crimini di guerra e contro l’ umanità e sul cui capo pende un mandato di cattura Internazionale; il sig. Henry Kissinger!.Abbiamo visto come attraverso una deroga normata con DPR del 20 giugno 1966 e, ottobre 1967, firmata da Giuseppe Saragat, allora Presidente della Repubblica. Mentre per la seconda emissione il DPR reca la firma di Giovanni Leone, l’ allora Presidente del Consiglio dei Ministri, l’ On. Aldo Moro, ordina e autorizza l’ Istituto Poligrafico e Zecca di Stato, ad emettere moneta! E lo fa, ricordiamo, per oltre 600! Miliardi con i quali lo Statista finanzia la spesa pubblica!. Come già esplicitato nel precedente articolo, l’ emissione di moneta sovrana non fu l’ unico atto di ribellione dell’ On. Moro, infatti! Durante la visita del nostro Statista negli USA, tenutasi dietro espresso invito dell’ amministrazione statunitense, dove ricordo al lettore, le minacce! Che l’ On. Moro ricevette dall’ allora Seg. di Stato, chaiman! in luogo di Chairman che meglio si attaglia al sig H. Kissinger, in seguito al “tiro” giocato dall’ amministrazione italiana Presieduta dall’ On Moro con l’ emissione di moneta sovrana non gravata da debito per i cittadini, un’ altro, netto e secco no! Che il mite cuor di leone, On. Aldo Moro sbatte’ come uno schiaffo in faccia al sig. Kissinger! Ed è il rifiuto da parte del nostro Statista, di prendere dalle mani di Kissinger il luciferiano piano che l’ On. Moro doveva applicare ai cittadini italiani. In sintesi trattavasi dello studio richiesto da Kissinger, che prevede la deindustrializzazione del Paese dove il diabolico piano è applicato, in questo caso l’ Italia, dal tempo dell’ occupazione americana laboratorio sperimentale di ogni sorta di nefandezza posta in essere dagli uomini di Richard Ginori……; acc! maled! Scusate, intendevo dei servizi: a volte non colgo la differenza fatto salvo gli onesti che vi lavorano). Tornando al piano- studio di Kissinger! Prevede un significativo e costante calo demografico attraverso il controllo delle nascite, gli aborti, al quale si arriva attraverso la deindustrializzazione e conseguentemente la perdita dei posti di lavoro che genera povertà, stati depressivi in chi la subisce: (unico indicatore in attivo per le multinazionali del farmaco che sfornano e vendono tonnellate di psicofarmaci che danno dipendenza e creano nuove patologie, note come effetti iatrogeni: vedasi testo di Cuzzolaro); altro punto, il veto che si rifà ad una delle clausole segrete contenute nel documento di Yalta del 1945, dove all’Italia è fatto divieto di emettere moneta sovrana non gravata da debito per i cittadini, meglio noto come debito truffa! pubblico; in proposito si veda la relazione dell’ Alto magistrato già Procuratore Generale, S.E. DR. BRUNO TARQUINI che ha definito il debito pubblico la madre di tutte le usure al Dr Tarquini si è aggiunto un’altro coraggioso magistrato, il Dr Gennaro Varone che la spiega in maniera esaustiva e chiara mantenendo il concetto di fondo che trattasi di truffa! Qualcuno si faccia premura di darne notizia al sig. Mario Draghi al quale la modestissima persona di questa scrivente si pregia ricordare al su citato governatore della banca privata BCE, gli insegnamenti del suo illustre maestro, il prof. Federico Caffè, non certamente improntati alla politica finanziaria truffaldina! Ma si sa che la fratellanza massonica prevale su tutto e tutti! Del resto hanno il diavolo per padre. Tornando al piano di Kissinger speghiamo brevemente di che si tratta. In breve; il NSSM- 200, chiamato anche the Kissinger report il cui tema è:<< implicazioni della crescita mondiale della popolazione per la sicurezza degli Stati Uniti d’America e gli interessi oltreoceano >>. Il Consiglio di sicurezza nazionale è il più alto organo decisionale in materia di politica estera degli USA. Il 10 dicembre 1974, promulga un documento top secret intitolato, National Security Study Memorandum, il NSSM-200, per l’ appunto. Il su citato documento è stato reso pubblico quando è stato declassificato e nel 1990 è stato trasferito negli archivi degli USA. Lo studio nasce al fine di proteggere gli interessi commerciali americani nel mondo e sempre nell’ottica della politica predatoria  degli states. Mentre la cinica politica del controllo demografico diventa di rilevante importanza per l’ approvvigionamento delle risorse e conseguentemente gli interessi economici dell’ idrovora USA. Secondo l’ NSSM-200 , datato, ricordiamo, 10 dicembre 1974, gli elementi di attuazione dei programmi di controllo della popolazione includono; 1 ), la legalizzazione dell’ aborto: vedi battaglie radicali), incentivi finanziari per i Paesi tesi ad aumentare i tassi di aborto; riflessione: chi si sarà intascato quelli destinati all’ Italia?); sterilizzazione ed uso della contraccezione, altra storica e coraggiosa battaglia dei radicali). 2 ) indottrinamento dei bambini. 3 ), controllo obbligatorio dei popolazione e coercizione di altre forme, quali la ritenuta di emergenza, l’ aiuto alimentare: più che di coercizione si tratta di ricatto bello e buono!. L’ NSSM-200, dichiara Apertis Verbis e certa improntitudine, che gli USA avrebbero dovuto coprire le proprie attività di controllo della popolazione al fine di evitare accuse di imperialismo, inducendo le NU e le ONG e nel caso di specie il Panthfinder fund, l’ International Planned Parenthood Fundation acronimo:( PPF ), e il Population per portare a compimento il lavoro sporco: proprio come le loro guerre ” democratiche” , un caso per tutte la guerra in Libia già in progetto da dieci anni prima dell’ attacco che ha visto come detonatore quel bellicoso flittene di Sarkozy uno dei tanti ventriloqui targati USA. Un documento, l’ NSSM-200 che ha favorito ed incoraggiato direttamente atrocità e crimini di ogni genere su vasta scala in decine e decine di nazioni. Ora! Poteva un uomo come l’ On. Aldo Moro, credente, cattolico praticante, padre di famiglia, accettare di applicare una tal nefandezza! Al suo Paese?! Ma si sa che i progetti massonici d’ oltreoceano e non, sono come certi farmaci, cioè! A lento rilascio e nel caso di specie a lungo, lunghissimo tempo e infatti ritroviamo come per incanto, un sunto di quel piano uscire dalla berretta del mago Gelli, gran maestro della loggia anche armata P2: vedi omicidio Olof Palme, l’ NSSM-200, si rifà una nuova veste e prende il nome di piano di rinascita democratica: breve cenno storiografico- giudiziario, il su citato piano fu rinvenuto nel doppiofondo della valigia di Maria Grazia Gelli, figlia del Licio e ovviamente sequestrato alla stessa all’ aeroporto di Fiumicino.  Meno ovvio è come sia arrivato fino al Berlusconi nazionale ex appartenente alla loggia P2 da cui Berlusconi trae spunto per il suo programma politico ma che si sublima nel prof mortimer-Monti, sotto il suo governo infatti i suicidi iniziati nel 2009 sotto Berlusconi, con Mario Monti al timone del barcone Italia i suicidi toccano il non invidiabile record di 3! Al giorno con nello sfondo un’iquietante Giorgio Napolitano che a tg unificati monita!: << anche i meno abbienti devono fare sacrifici>>; gnorsi’! Le comandant, subito preso in parola da un cittadino che si dà fuoco sotto il fortilizio del comandante in  capo Napolitano che manco scosta le tendine per mirare l’ allegra”  fiamma che l’ ardeva nel cor/ qual supremo sacrificio/ dal suo signor perorato. Tornando a Monti, oltre ai suicidi l’ altro non invidiabile record sono le migliaia di esodati messi per strada dalla controriforma di mrs kalamity, in senso di calamità! Fornero! Le pensioni e altri ammennicoli vari come le migliaia di giovani in fuga in altri continenti e lì arricchire poco se stessi e molto i Paesi che si avvalgono del genio ITALIANO!. Ma i massoni cosiddetti reazionari, non restano inoperosi, amano il loro lavoro e vi si applicano con rara dedizione, sono come   un’entomologo alle prese con un nuovo insettario. Per loro è un godimento senza fine infilzare gli insetti gli insetti-cittadini, ad uno ad uno e fissarli con gli spilli nell’ insettario dove potranno godere della loro vista! È infatti a Sitges-Spagna, chi il gruppo di luciferiani denominato Bildenberg, che vede tra i suoi fondatori proprio il ricercato, omicida, stragista, H. Kissinger. Correva l’ anno 2010, e all’ unanimità! Deliberano che il piano di povertà dev’essere applicato ai Paesi del Sud Europa, i cosiddetti pigs!: Fonte, Charlye Skelton giornalista del Guardian che pubblica tutto sul suo giornale ma che non è riuscita, come notizia, a passare la cortina di ferro della disinformazione e manipolazione che vige in Italia. Continua…., fino al malloppone! Ch’è più grande e stracolmo dei depositi di paperone e rockerduc messi insieme tanto per restare in ambito massonico; il riferimento è naturalmente a Walt Disney…..; amara, molto amara ironia e tanta rabbia perché hanno assassinato i loro e i nostri uomini migliori e lo hanno fatto per futili motivi, denaro, potere e il più barbaro, la sete di sangue! Dimentichi  che tutto è vanità sotto il sole; un correre dietro al vento poiché come una veste consunta l’ uomo esce dall’  opera sua nel giorno per lui decretato e altri godranno dei loro beni. Si è parlato e si continuerà nei prossimi articoli a parlare di massoneria perché ciò è inevitabile avendo costoro metastatizzato e infiltrato al pari di un tumore maligno tutti i centri del potere nazionali e internazionali dalle più alte cariche a quelle piu basse. Anche il mondo dell’  imprenditoria e i piccoli esercenti non né sono immuni ma non è giusto sparare nel mucchio! Tralasciando, senza giudicare, le scelte personali di ciascuno su chi adorare e che attiene alla coscienza del singolo ma si impone un  distinguo tra massoni e nel nostro caso questa scrivente non può che apprezzare il coraggio del prof. Gioele Magaldi del Grande O. Democratico per la pubblicazione della sua trilogia intitolata, Massoni….,ecc. C’è voluto molto coraggio perché in ambito massonico certe scelte si pagano, a volte, con la vita, perciò grazie al Prof Magaldi. DI  RITA  CABRAS.

Un’ esempio del linciaggio a cui fu sottoposto l’ On Altro Moro, teso a distruggerlo politicamente.
Aldo Moro sapeva del complotto nei suoi confronti e attacca rimandando al mittente il tentativo di screditarlo agli occhi dell’ opinione pubblica. Aldo Moro si difese in Parlamento in un’ articolato discorso del 1977.
Frontespizio del NSSM-200 di H. Kissinger
Due dei 5 uomini della scorta dell’ On. Aldo Moro; vien fatto di domandarsi come sotto quella pioggia di fuoco dei mitra delle br? L’ On Moro non abbia riportato neppure un graffio! Altro domanda destinata a restare senza risposta è! Perché le br che hanno sempre rivendicato i loro vili assassinii, hanno in questo caso sentito la necessità di finire con un colpo alla nuca gli uomini mortalmente feriti?: Forse per impedire loro di dire cosa effettivamente erano accaduto all’ interno della Chiesa di Santa Chiara?!
Si chiude con Trilussa poiché il ” maresciallo orecchia” non permette il caricamento di altri documenti di pubblica importanza, quali NSSM-200, già declassificato, il video che svela il vero motivo di tutte le guerre ” democratiche e altri documenti nascondendosi come da copione dietro il: per ragioni di sicurezza!…., naturalmente la loro.

Aldo Moro martire della politica assassina americana.

Una delle  logge massoniche all’ interno della base di Sigonella; tutte e 5 le logge americane presenti sul territorio Italiano fanno capo al grande oriente d’ Italia.

” È necessario custodire i piccoli segreti, per quelli grandi basterà l’ incredulità della gente, perché nessuno crederà mai ad un progetto così mostruoso”.  J E HOOVER, capo mattanza della CIA. Questo non è un’ articolo su ALDO MORO come se ne sono scritti e letti a decine in questi anni. Questo è principalmente un’ appello ad una persona che chi scrive incontrò per motivi professionali sul finire degli anni 80. In premessa dirò che di tale persona non verrà scritto neppure il sesso di appartenenza in osservanza del: Primum Non Nocere! E questo perché, chi scrive, come chiunque altro, non ha il diritto di mettere a rischio la vita altrui e, ancor meno se vi fossero dei figli! Atteso che di tale soggetto si conosce, laddove corrispondesse al vero il solo nome di battesimo. Come dato identificativo dirò solo, laddove la persona oggetto di appello, avesse l’ opportunità di leggere questo articolo che chi scrive, all’ epoca del fatto si trovava, torno a ripetere, per motivi professionali, a Roma ove svolgeva attività di consulente per un’azienda farmaceutica. L’ incontro avvenne presso una farmacia della capitale dove venne fissato l’ appuntamento al fine di valutare il problema della persona in oggetto. Era un pomeriggio di fine novembre, all’ appuntamento si presentò con un ritardo di oltre mezzora. Si scuso’ , teneva gli occhi bassi se non per un fugace attimo in cui incrociarono i miei che scandaglio’ alla ricerca  di elementi o segni della personalità che le dessero modo di capire chi aveva difronte. Parlava con con accento marcatamente anglosassone che denunciava comunque una buona conoscenza della lingua italiana. Le indicai una poltroncina dove sedersi ed iniziare così l’interrogatorio anamnestico che mi permettesse di individuare il problema ed eventualmente risolverlo. Cosa non facile, anzi! All’ inizio fu piuttosto difficile, ci volle tutto il mio bagaglio di conoscenza, di tattica e molta diplomazia per trovare il punto d’ ingresso di quella corazza che si presentava piuttosto ermetica e a tenuta stagna. Vi riuscì solo dopo aver domandato in tono brusco  se aveva intenzione di risolvere il suo problema, di chiara origine psicologica ma che si rifletteva sul soma, diversamente, dissi, consideravo l’ incontro giunto al termine! Pertanto mi alzai con la mano tesa in segno di congedo. Si morse ripetutamente il labbro inferiore, traspariva un grande conflitto interiore, un travaglio senza fine, qualcosa che gli toglieva serenità ed equilibrio. Aspetti! Disse con la voce spezzata, lei ha ragione, almeno in parte, dopo una breve pausa risposi che non avevo interesse a conoscere le, o la ragione dei suoi conflitti! Personalmente il mio unico interesse era trovare il bandolo della matassa che consentisse di risolvere il problema che aveva, a suo dire, compromesso il suo sociale, privato e professionale. Domandai che lavoro svolgesse, giornalista freelance, rispose.: (Ad oggi, al momento in cui scrivo il presente articolo non so se corrispondesse al vero). Ripresi con le domande che vertevano sulla sua alimentazione; domande routinarie tese ad escludere delle cause e a mettere in luce le, o la causa che aveva provocato quel ” disordine”. All’ anulare portava la vera nuziale, con tatto chiesi se in seno alla famiglia al matrimonio, era tutto a posto. Presi nota delle risposte e congedai quell’ ermetico soggetto con qualcosa da fare a casa e fissando un nuovo appuntamento al fine di valutare se vi erano segni di regressione del problema motivo dell’ incontro. Al secondo appuntamento fu puntuale e quasi raggiante. Mi ringraziò perché uno dei problemi a carattere infiammatorio era notevolmente regredito. Si dilungo’ in complimenti…,ecc.ecc. A quel secondo incontro ne seguirono altri scadenzati nel tempo e comunque conclusisi nell’ arco di 3mesi totali. Fu al 5˚ incontro che a bruciapelo mi chiese cosa né pensassi della vicenda Moro. Rimasi interdetta ma fu un’ attimo, in cui sentii un certo disagio, quasi un campanello d’ allarme! Risposi comunque francamente come ho sempre fatto in questi anni allo stesso genere di domanda. Dissi chiaramente che il” caso MORO “come lo definiva, era per me un affare di Governo e mi spiego! Chi scrive non ha mai creduto alla rivoluzione armata del ” popolo” fatta per il popolo! Bensì! A soggetti prezzolati e comunque esecutori di ordini governativi! Questo mi diceva la logica e il buon senso. E faccio un’ esempio. Perché! Se io, con velleità guerrigliere volendo rovesciare una classe politica corrotta! Ladra! E affamatrice di popolo! Vado in giro a piazzare bombe e fare strage proprio di quel popolo che dico di difendere e proteggere?! Perché uccidere padri e madri di famiglia e soprattutto bambini!? Semplici poliziotti di pattuglia come i due che in una fredda mattina torinese all’ aprirsi delle porte del tram vidi a terra! Le mani vuote, non ebbero neppure il tempo di prendere la pistola per difendersi! La morte, vigliacca li colse con gli occhi spalancati sul cielo, increduli, la fede nuziale di uno dei due, insaguinata; sentivo il viso bagnato, non era la pioggia, attonita fissavo quei due corpi nei quali fino a qualche minuto prima scorreva la vita. Pensai alle loro famiglie, alle mogli che magari stavano avviando il pranzo, ai loro figli, al loro rientro da scuola, orfani, al loro sgomento e incredulità quando avrebbero appreso la notizia. Pensai a quel dolore che la perdita di una persona cara ti scava dentro e…. urlai tutta la mia rabbia verso quegli assassini di Governo. Per questo chi scrive non ha mai creduto a rivoluzionari puri ma solo a dei vigliacchi balordi assassini! Chi scrive, guerrigliera ma non troppo, sarebbe andata nei palazzi del potere armata di acido muriatico a sbullonare quelle loro natiche putrescenti dagli scranni! Quando lasciai andare i ricordi tornando al presente sentì la voce anglosassone che diceva, brava! Ha capito! Era come se un blocco di cemento gli fosse caduto di su le spalle! Rispondendo al mio sguardo interrogativo quanto perplesso disse che a motivo del suo lavoro di giornalista venne a conoscenza da fonti diplomatiche, riservate, in seno all’ amministrazione statunitense, che Aldo Moro fu rapito ma già con la decisione di assassinarlo a causa della sua ribellione all’ imposizione da parte dell’ amministrazione americana e di Kissinger in particolare, di recedere dalle sue idee politiche che collidevano con l’ ormai consolidato progetto dell’ amministrazione USA che aveva fatto fatto dell’ Italia, grazie anche alla truffa dell’ armistizio perpetrata dagli anglo- americani in danno dell’ Italia e di cui gli Italiani ignorano praticamente tutto! Il loro scendiletto! Centro nevralgico per il controllo del Medioriente ancorché un centro pilota per ogni sorta di esperimenti posti in essere da uomini dei servizi prevalentemente americani, sulla popolazione ignara e per questo inerme! Non così la classe politica e gli uomini dell’ intelligence nostrana che non solo e non uno solo si è mai ribellato ma hanno dato piena collaborazione. Un luogo o meglio il Paese del  bengodi l’ Italia,  per le amministrazioni USA che si sono succedute. Un Paese dove hanno installato fraudolentemente le loro basi – loggie. Dissi a chi interloquiva con me che benché fondata la nostra era solo una chiacchierata oziosa che non avrebbe condotto a niente! Un pour parle’. D’improvviso ebbi un pensiero e a bruciapelo chiesi se era l’ ” affare Moro” la genesi alla base del suo problema. Non ci fu risposta, non verbale almeno, ma la sua mimica e il sussulto che ebbe a quella domanda confermò che avevo colto nel segno. Chiesi se era o riteneva che la sua vita fosse in pericolo, ancora nessuna risposta se non la difficoltà a deglutire come in assenza di saliva. Chiesi al farmacista un bicchiere d’ acqua, attesi che lo bevesse poi le dissi che non volevo essere messa a parte di ciò che aveva rotto i suoi equilibri ma che offrivo ugualmente il mio aiuto che le consentisse di risolvere il problema che comprometteva il suo vivere quotidiano. Rassicurai quello strano soggetto dicendo che una volta individuata la causa il problema era risolto al 50% il resto atteneva ad una scelta che avrebbe dovuto compiere a seconda della gravità di quanto a sua conoscenza e soprattutto se fosse in grado di provare quanto diceva di conoscere dei fatti che hanno condotto alla morte il nostro Statista laddove, come consigliai, lo avesse ripetuto davanti ai magistrati italiani. Rispose che era in grado di dimostrarlo; non volli sapere come, ma ormai l’ argine era rotto e le acque tracimavano. Con le parole che si affastellavano l’ una sull’ altra tanto che feci fatica a coglierne il significato.<< abbiamo le prove >>, ripeté più volte parlando al plurale. È un progetto vecchio di anni! Se lui, Aldo Moro, non avesse obbedito agli ordini, la soluzione finale sarebbe stata la sua eliminazione fisica!: Sentì la nausea montare e il sangue defluire verso le estremità inferiori. Non riuscì ad articolare un suono tanto ero sgomenta, sotto shock! Le parole continuavano ad investirmi come una mareggiata! L’ ambiente ci trovavamo lo percepivo ovattato! Una parte di me ripeteva che erano tutte balle! Millanterie, aveva bisogno di accentrare l’ attenzione come a voler dire sono qua! Esisto! Era un racconto demenziale! Ma poi guardando quella figura un po massiccia, quel volto dipinto dalla paura e le sue lacrime angosciate che mi fecero dubitare che il su racconto era veritiero. Ricordo che disse! Kissinger aveva carta bianca, fu lui con uomini dell’ intelligence a mettere a punto il piano che prevedeva 2 fasi, la prima prevedeva la morte politica del nostro Statista. La seconda fase, in caso di fallimento era rappresentata col termine nazista di, soluzione finale, ovvero la morte fisica dell’ On. Aldo Moro;<< antelope Is dead!>> mi parve di sentire, in quell’ accento anglosassone. Non né compresi il significato, antelope colbber, se non molti anni dopo. Vissi quel racconto al pari di un sogno, un brutto sogno, combattuta se credere a quello che mio malgrado sentì. Subentrò il bisogno di saperne di più della persona che mi stava davanti così chiesi a degli amici di seguire il misterioso soggetto una volta lasciata la farmacia. Si serviva sempre di un taxi, sia quando veniva all’ appuntamento sia quando andava via. Al loro ritorno gli amici riferirono che scese davanti all’ ambasciata Americana ed entrò dall’ ingresso principale: i piantoni all’ ingresso fecero il saluto militare. Da quella sera non rividi più il misterioso soggetto. Come ulteriore dato di riconoscimento aggiungo che a quell’ultimo incontro si presentò con un cadeau, avendo, chi scrive, rifiutato altra forma di compenso peraltro non dovuto, così come rifiutai il costoso presente; di cui ignoro il contenuto se non che proveniva da una nota gioielleria della capitale. Si è voluto raccontare i fatti così come si sono cristallizzati nella memoria. Riepilogando per la persona al quale risolsi  il serio problema che l’ affliggeva, che andava cronicizzandosi compromettendo il suo vivere quotidiano chiedo, magari come cadeau rifiutato a suo tempo e se si riconosce laddove né avesse la possibilità, in questo articolo è  nello scritto che segue, su Aldo Moro, frutto di ricerca personale ma che in gran parte è il riscontro di ciò che mio malgrado fui costretta  a sentire nel corso di quegli incontri, ecco! Chiedo a questa persona di far arrivare nelle mani di magistrati italiani le ” prove” che sosteneva essere in ” loro”possesso.  Continua…. P.S. SI INFORMANO I SIGG. LETTORI CHE DOPO L’ ARTICOLO SULL’ ON. MORO VERRÀ PUBBLICATO IL SECONDO ARTICOLO SUI VACCINI,DA NON PERDERE A                                

Lettera di condoglianze che esprime sentimenti di gratitudine verso l’ ON ALDO MORO per aver sostenuto le spese di ricovero e soggiorno a Roma di un cittadino somalo: ALDO MORO era anche e soprattutto questo!

documento del ministero della difesa dove si autorizza l’ acquisizione di informazioni utili alla liberazione dell’ On Moro 14 giorni prima del suo rapimento. Il documento risultato autentico fu fatto periziare da Paolo VI, il mesto massone. << Se ritieni che il contenuto di questo sito sia di pubblica utilità e ti soddisfa. Se vuoi che questo sito continui a rimanere aperto, puoi contribuire a farlo con quanto ritieni a questo IBAN; IT89V3608105138261510661516 GRAZIE! Anche per il tempo che hai dedicato alla lettura e per quanto farai a favore della collettività.