ROMANO PRODI- DOCUMENTI

Toni Blair, lo stesso che fabbrico’ il falso documento sulle armi chimiche di Saddam e per questo a processo! Posa sorridente accanto alla finestra dell’ inganno! Alla london school of economics, ecc.ecc.
Certificato attestante il deposito di un’ ingente quantità di oro, 34.000 mt! Il depositante risulta essere tale Romana Diaz, dalle ricerche effettuate è emerso un solo soggetto col nome di Roman Diaz, di professione percussionista, cubano? Gli altri nomi che compaiono corrispondono a soggetti femminili con una sfilza di alias e contenziosi penali negli USA, dove risiederebbero: per i soliti motivi di sicurezza non è stato possibile caricare il documento con il dettaglio delle info. Resta la domanda! Può un artista per quanto bravo mettere insieme una tale ingente quantità di oro?! O ci troviamo dinanzi a dei prestanome? : Anche la Pereira sarebbe un’artista. Da dove arriva veramente l’ oro risultante nel documento!? Forse veicolato attraverso il parlamento mondiale?: Una curiosa coincidenza, una delle tante; la banca è di proprietà Rothschild! Si auspica che magistrati di buona volontà magari non massoni anche se in sonno” aprano un’ inchiesta; e non finisce qua!…, purtroppo!
Sotto il governo Prodi, uno delegazione italiana si recò a Londra, Londinium, portando con se una dettagliata memoria sull’ oro rubato dai tedeschi dalla banca d’Italia durante la loro fuga. La memoria che ha come titolo; The story of the gold deposited at the bank of Italy; ( 1943-1958). Il governo di Londra lo rende pubblico nel 1997. :Può l’ esimio professor Prodi dare agli italiani, che si ricorda essere sovrani e non sudditi, una spiegazione?! Grazie!
Chissà se per la fabbricazione di queste e non solo queste, è stato usato loro italiano proveniente dai lingotti d’ oro facenti parte delle 110 tonnellate! Rubati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale e parzialmente restituiti, poiché una buona parte è illegalmente detenuta dalla banca privata americana FED, di proprietà Rothschild! Mentre 3,4 tonnellate sono illecitamente trattenuti dalla banca centrale Austriaca! Quegli stessi ladroni che volevano schierare i loro carrarmati al Brennero. Il giudice Carlo Palermo provò a far rientrare l’ oro degli italiani in patria ma subì un’ attentato dove si salvò per miracolo ma dove persero la vita una madre e le sue 2 bambine. Forse il nuovo governo e il ministro Salvini possono indurre a più miti consigli i ladri austriaci che tanto disprezzano gli italiani che sicuramente non si sono appropriati di alcun bene altrui men che meno di certo spocchioso popolo diversamente onesti
L’ oro italiano in mano agli invasori americani; 110 tonnellate!
La senatrice del parlamento mondiale, Teresinka Pereira. La stessa vanta amicizia via mail con Totò, buon’anima: ma ai tempi di Totò si comunicava via posta elettronica? Non è il 1967, l’ anno di decesso del Principe De Curtis?
L’ euro?…, ci avete creduto!? Ma che boccaloni!…, uaah!..ahahahah!
Euro e opinioni a confronto: vince l’ inganno!

Non è stato possibile caricare il documento classificato come diplomatico e attestante il deposito di 3.000.000,00 di euro presso la banca della Repubblica del Montenegro e riguardante il parlamento mondiale: il documento è a disposizione di chiunque ne fa richiesta anche per motivi di legge. 

    atto di registrazione del parlamento mondiale presso il tribunale di Palermo

Nessun commento
Perché banchieri, funzionari e consulenti nel caso del prof. Caffè, di Bankitalia e illustre insegnante di Mario draghi, si ” suicidano”? Forse il draghetto grisu’ può dirci qualcosa in più? Bankitalia proprietà Rothschild.
Parlamento mondiale, Viktor Busa’
Parlamento mondiale, BUSH
Romano Prodi, presidente del consiglio dei ministri: auspichiamo che venga chiamato ufficialmente a fare spiegazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *