MICHELLE BACHELET; UNA COMMISSARIA DA COMMISSARIARE

Estremizzando simpaticamente i due personaggi del fumetto in voga negli anni 70, ” Geppo diavolo buono” possiamo dire che riprendono l’ indole del gran maestro del GOI, Bisi, satana. Mentre geppo, potrebbe incarnare il Prof Magaldi del GOD.
Un’ altro avente diritto; si è scelto di non pubblicare video contenenti rapporti sessuali, anche orali, consumati nelle pubbliche vie, in Italia non in Africa; si fa appello a tutti i concittadini che per censo sono esentati dalla visione di simili oltraggiosi atti a cui sono costretti i comuni cittadini che abitano le periferie e che quotidianamente ” godono” di certi comportamenti, di andare quantomeno sulla rete dove il vasto campionario di oscenità non mancherà di deliziarli. Oppure prendano ogni tanto l’ autobus sì da provare l’ebbrezza di salirvi sani e scenderne con la scabbia! Quando non zecche! Con tutto ciò che né consegue. Chi scrive non nutre particolare stima per il ministro Salvini ma gli riconosce lo sforzo di fare il suo dovere ciò per cui è pagato! Vale a dire garantire la sicurezza e l’ incolumità unitamente alla salute di tutti i cittadini residenti o dimoranti, Vip e privilegiati vari; poi chi lo desidera è sempre in tempo a dare la disponibilità di ospitarli nei loro “quartieri”. E da ultimo a tutti coloro che parlano di integrazione si adoperino al fine di evitare di trovare questi ragazzi ogni 50 metri a chiedere l’elemosina: questa non è integrazione è menefreghismo individuale! Aspettare che sia qualcun’altro ad occuparsene! Inizi, nel concreto, la Bonino con tutto il denaro che ha lucrato sulla loro pelle! Oppure l’ ONU metta a disposizione quelle sontuose stanze che ciascun membro di quell’associazione di taglieggiatori ha riservato per sé e pagate dai cittadini europei e non! Poi ognuno è nel pieno diritto di fare la morale e mandare ispettori! Fino ad allora si taccia!
Una giovane Emma Bonino esibisce un cartello dove chiede il processo per gli infanticidi: la parola aborto è usata per pungolare meno la coscienza ), chiede il processo ma poi si avvale dell’ immunità parlamentare proprio per sfuggire al processo; se la cavo’ con soli 10 giorni di carcere per gli oltre 10.000: parole sue, infanticidi…., avec nos compliments, madame Bonino’
Un non avente diritto appena raschiato dall’ utero della madre e pronto per l’ inceneritore; con l’ Imprimatur di Bonino Bachelet e qualche Monsignore ma non troppo; alla fine Totò Riina né ha uccisi più della Bonino: oltre 10.000 stando alla stessa interessata ), Quasi fosse una gara….; scusi Monsignore ma credo che persino Satana sarà rimasto disgustato dalla sua affermazione.
Nessun commento! Già fatto in altro articolo.
Un’ avente diritto, amante dell’ arte, rinvigorisce le “membra” nell’ antica fontana dell’ acqua Paola. Dopo aver ripreso vigore il povero migrante all’ uscita dalla vasca ha stuprato una turista senza che nessuno intervenisse; l’ immagine è tratta dal video disponibile in rete; e con queste gesta che i poveri migranti ringraziano i cittadini italiani per averli accolti! Scene precluse ai vip e a quanto pare ignorate persino da certi solerti magistrati che anziché accertare l’ identità di falsi minori a bordo della Diciotti! Indagano per sequestro di persona chi è preposto alla tutela della sicurezza e ordine pubblico cioè il suo dovere che pare ormai retaggio di pochi.
La Bonino, abortista, premiata da Soros; la Bonino, vigliacca, che non ha avuto neanche il coraggio delle sue azioni avvalendosi dell’ immunità Parlamentare per non farsi processare! Dopo solo 10 giorni di carcere ha il coraggio di dire che ha pagato per gli oltre, a suo dire, 10.000 infanticidi o aborti come, la forma di espressione che meno pungola la coscienza laddove la Bonino ne avesse una. Ora manca solo il conferimento del premio da parte dei produttori di pompe per biciclette per il forte impulso dato dalla Bonino & co, alle vendite.
Piantina della Meditation room. Sconosciuta a molti, la meditation room è un locale al piano terra del Palazzo dell’ ONU. Ha forma di piramide tronca come da tradizione e simbolismo massonico. Il locale è lungo 33 piedi che corrisponde al 33˚ grado in massoneria, gran maestro), è largo 18 piedi; 6+6+6=18 ma che è anche il numero della ” bestia”; 666:Apocalisse di San Giovanni. Al centro è posto un monolite di magnetite del peso di 6,5 tonnellate donato dal premiato diplomificio dei Nobel, Sua Maestà, Re Gustavo di Svezia, ovviamente massone! Ora! L’ ” oratorio” di Satana vi sembra il luogo adatto, legittimato ad emettere sentenze e/o minacce a nazioni sovrane!? O sproloquiare su diritti umani?: il popolo italiano è nel pieno diritto di citare in giudizio la Dr.ssa Bachelet per calunnia e diffamazione a mezzo stampa e artt. del cp a seguire.
” sulla vita ci dev’essere una libertà di scelta “; evidentemente questa libertà è circoscritta a se stessa. La madre le avrebbe insegnato il libero arbitrio; evidentemente sulla vita altrui, quelle più indifese, quelle che non possono fermare le mani che stanno per sopprimerle; la madre cattolica ha dimenticato di insegnare alla figlia, il rispetto! Nei confronti di chiunque, sempre e comunque. La madre cattolica ha tralasciato di insegnare alla figlia che dalla croce non si scende così come non scese NOSTRO SIGNORE GESÙ! la madre cattolica ha dimentica di insegnare alla figlia che l’ aborto è l’ atto compiuto da un vile perché compiuto nei confronti di chi non può difendersi ad armi pari. Ma forse la madre della Bonino era Lilith.
La Bonino e la Bachelet, due “mammane” a confronto.
Bambino ucciso nel grembo della madre mediante raschiamento e queste sono le condizioni del bimbo appena estratto, lungo appena 20 cm ma perfettamente formato. Su queste creature indifese la Bonino e la Bachelet hanno lucrato voti e denaro, ma i migranti hanno tutti i diritti i piccoli uomini e donne raschiati dal grembo della madre ed estratti a pezzi come dimostra l’ immagine, non hanno nessun diritto neanche quello sacrosanto della vita.
La piccola manina che fuoriesce dall’ utero materno si aggrappa fidente all’ adulto che ha potere di vita e di morte su di lui/lei. DI  RITA CABRAS.   SE DESIDERI CONTRIBUIRE A TENERE APERTO QUESTO SITO PUOI FARLO A QUESTO IBAN, IT89V3608105138261510661516. GRAZIE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.